Zanier serramenti… Sistemi oscuranti

Anche i sistemi oscuranti vengono realizzati seguendo il ciclo produttivo ad alta precisione. Le tipologie disponibili si differenziano proprio per il sistema costruttivo utilizzato e rappresentano dei sistemi oscuranti in legno sostanzialmente diversi. Oggi la maggior parte dei serramentisti industriali realizzano gli scuri con pannelli in multistrato marino sui quali ricavano attraverso lavorazioni automatiche i disegni superficiali che si desiderano. Il trattamento di finitura completamente opaca nasconde il materiale e lo rende completamente anonimo, la resistenza nel tempo del prodotto è affidata unicamente al trattamento di verniciatura. la soluzione in multistrato è sicuramente economica, ma dal punto di vista qualitativo risulta essere in assoluto la più scadente, senza considerare la precarietà dei punti deboli costituiti da bordi e punti di escavo in cui vengono praticate le lavorazioni.

Scuri serie S5

Sistemi oscuranti in legno
Zanier realizza i diversi sistemi di oscuranti seguendo delle precise regole costruttive consolidate nel tempo e dalla tradizione. Gli specifici accorgimenti adottati e accuratamente introdotti con la progettazione e rispettati durante la lavorazione, sono rivolti a garantire resistenza e durata nel tempo. Ogni tipologia di prodotto prevede delle soluzioni particolari e specifiche (vedi prodotti).
I sistemi con specchiature ed a doghe orizzontali, per esempio, sono costruiti attraverso un robusto telaio portante con angoli giuntati a tenone, questi costituiscono il supporto per i tamponamenti, a loro volta composti da pannelli lavorati oppure doghe orizzontali incastrate. In enrambi i casi, la giuntura delle doghe tra loro e di queste, o del pannello, con il telaio, è costituito da incastri in lughezza che sono riparati e favoriscono il deflusso dell’acqua impedendo il ristagno dell’umidità.
Negli oscuranti a doghe verticali, che per loro conformazione permettono all’acqua di scorrere verticalmente e rimanere asciutti, queste vengono tenute insieme a formare l’anta dello scuro, attraverso elementi orizzontali in larice interni alle doghe e saldamente incastrati ad esse.
Esistono anche soluzioni più particolari come gli scuri a doghe aperte mobili (persiana) riconducibile alle tipologie a telaio, e sistemi oscuranti detti “a scandola” che rappresentano la tipologia di prodotto più tradizionale e rustica.

sistemi oscuranti zanier serramenti in legno
Le differenze

Gli oscuranti sono un prodotto particolarmente soggetto a sollecitazioni e per cui la durata nel tempo costituisce l’aspetto più critico. Non è assolutamente vero, si tratta della normale propaganda commerciale, che le soluzioni in legno non sono proponibili. Esistono portoncini e scuri in legno con centinaia di anni e ancora validi: si tratta esclusivamente di metodologie costruttive. Oggi, le elevate prestazioni assicurate dai trattamenti protettivi aggiungono una garanzia di durata nel tempo del tutto inalterata (anche senza invecchiamento) e senza manutenzione.

Sicuramente gli oscuranti in multistrato rappresentano il livello qualitativo più basso, inferiore anche al peggior oscurante in legno! In questi l’unico fattore di resistenza è dato dal trattamento protettivo, che se è fatto male rende il prodotto completamente vulnerabile.
Il sistema costruttivo adeguato invece rappresenta il motivo di durata del prodotto, la protezione di verniciatura fatta correttamente ne garantisce il mantenimento e la possibilità di manutenzione.

 

Scuri_S2

 

Per ulteriori informazioni e dettagli consulta il nostro sito www.zanieronline.it oppure contattaci attraverso la nostra mail info@zanieronline.it o utilizzando l’apposito il modulo di contatto.

Annunci

Zanier serramenti in legno… Le Finestre

Abbiamo presentato il sistema produttivo implementato da Zanier, ottimizzato per consentire di ottenere un prodotto di qualità superiore a prezzi economicamente convenienti secondo un ciclo produttivo altamente industrializzato.
Iniziamo ora ad analizzare la gamma di prodotti dell’azienda, a partire ovviamente dalle finestre. Rispetto ad altri produttori di soli sistemi di serramenti, Zanier si occupa anche della produzione di sistemi oscuranti e di portoncini d’ingresso. Questi prodotti, sempre realizzati con sistema ad alta precisione, possiedono caratteristiche specifiche che li rendono abbastanza singolari nel panorama dei produttori industriali.

f4

Le Finestre

I sistemi di serramenti prodotti da Zanier sono realizzati con profili in legno lamellare di Abete Rosso oppure di Llarice. Lo spessore dei profili è di 70mm per la serie F4 oppure di 82mm per la serie F8, che si differenzia per lo spessore maggiore della lamella centrale. Entrambi gli spessori vengono sviluppati anche con profilo Legno-Alluminio per un totale di 4 sistemi di serramenti: F4, F4LA, F8 e F8LA (vedi prodotti).

Il sistema di serramenti F4 è il primo messo a punto da Zanier e quello in cui il procedimento produttivo ad Alta Precisione è stato subito perfezionato. Grazie agli accorgimenti adottati per la realizzazione del serramento, ed in particolare alla robustezza e tenuta degli angoli a tenone, della doppia sigillatura, delle chiusure ad incasso: questi serramenti hanno dimostrato subito delle caratteristiche tecniche e prestazionali di tutto rispetto. in particolare la tenuta all’aria si è dimostrata superlativa.
Al tempo in cui questo sistema di serramenti è stato completamente sviluppato, fine anni Ottanta (oltre 25 anni fa), il sistema delle prove e certificazioni dei serramenti non era per nulla sviluppato in Italia. Solo la Germania disponeva di un insieme di normative di riferimento e di istituti di prova per questo tipo di prodotti.
Per dimostrare la validità del proprio prodotto, nel 1994 Zanier ha dovuto rivolgersi al prestigioso istituto IFT (Istituto per la tecnologia dei serramenti) di Rosenheim per ottenere dei certificati che dimostrassero le prestazioni superlative per un serramento da 70mm.
Per questo motivo e per il fatto che sia stato il primo sistema prodotto, abbiamo voluto definire la serie F3/F4 come “il primo della classe”!

Successivamente, secondo gli stessi principi costruttivi, sono stati sviluppati gli altri sistemi di serramenti. Il profilo da 82mm è stato adottato per meglio contenere i pannelli thermopan a doppia camera e ottenere una prestazione termica superiore per le nuove esigenze espresse dal mercato.
I sistemi Legno-Alluminio sono stati sviluppati sempre in base alle esigenze di mercato di avere questa soluzione tecnologica in cui il rivestimento in alluminio svolge prevalentemente la funzione estetica e protettiva del legno rendendo il serramento praticamente “eterno”.

f8la
I serramenti vengono realizzati su misura secondo forme e dimensioni desiderate dal cliente. Le varianti riguardano le tinte, eventuale laccatura e un insieme di accessori che contribuiscono a definire l’estetica del prodotto. In particolare c’é la possibilità di intervenire su un insieme di dettagli e finiture superficiali che ne caratterizzano l’aspetto rustico (superficie spazzolata, trattamento protettivo ad olio, coprifilo in legno, inglesine, tipologia di maniglie).
Da notare poi la possibilità di installare il coprifilo protettivo in alluminio nella parte esterna del vetro. Questo particolare in uso specialmente nei paesi nordici rappresenta una forma di protezione particolarmente importante in quanto protegge il punto più delicato del serramento e più importante per la trasmissione termica.

Sezione F8LA

Leggi ulteriori informazioni sul nostro sito e nelle pagine dedicate su www.zanieronline.it

Zanier serramenti… il miglior rapporto qualità/prezzo, verificato!

Con i POST delle precedenti settimane abbiamo analizzato nel dettaglio gli aspetti che rendono particolare il sistema produttivo per serramenti messo a punto da Zanier. Si tratta di un insieme di procedure relative alla scelta dei materiali, la produzione del profilo, i sistemi di produzione CNC, progetto dei prodotti e l’intero ciclo di verniciatura.

Altre informazioni sul nostro sito www.zanieronline.it

Serramenti in legno - Angolo serie F8
Il risultato sono serramenti con caratteristiche difficilmente reperibili in prodotti di tipo industriale. Le industrie, in genere, adottano sistemi semplificati e spesso imposti dagli stessi fornitori, dei profili o della ferramenta. Il motivo riguarda l’economicità del prodotto e la possibilità di realizzare grandi numeri; perciò solitamente non viene data importanza a certi particolari proprio perché incapaci di risolverli adeguatamente in maniera economica. In realtà si tratta di aspetti non secondari, ma di notevole importanza perché compromettono il risultato finale e le prestazioni complessive del prodotto. Così capita, per esempio, che i produttori industriali utilizzino tre o più guarnizioni per ottenere i risultati di tenuta, in quanto l’imprecisione rende insufficiente una sola guarnizione.
E’ paradossale che proprio nel momento in cui progettisti e clienti sono più attenti che mai ad aspetti tecnologici e prestazionali dei serramenti, venga perpetrato l’uso di questi sistemi e si cerchi di giustificarne la qualità.

Bisogna affrontare però anche un aspetto rilevante nella scelta dei serramenti: qesti costituiscono un investimento economicamente importante nella spesa complessiva per la realizzazione di un edificio. Aldilà dell’ottimizzazione delle prestazioni e l’alta qualità del prodotto, rimane importante anche l’aspetto economico e quindi, nello specifico: il rapporto qualità/prezzo.
Zanier, grazie ad un serrato controllo sui costi di produzione del proprio sistema industriale, riesce a mantenere il prezzo dei propri serramenti concorrenziale con quello degli altri produttori industriali. Il risultato è costituito da un rapporto qualità/prezzo del tutto eccezionale, in quanto il serramento ha caratteristiche tecniche e prestazioni che lo pongono alla pari della migliore produzione artigianale: ben più costosa!

Quindi proprio il prezzo risulta essere la vera arma e il punto di forza per questo prodotto. Dopo averne decantato le caratteristiche e la qualità elevata, vogliamo far presente che non si tratta di prodotti improponibili. Dimostrazione anche il fatto che l’attività svolta dalla ditta Zanier negli ultmini 30 anni è stata rivolta principlamente alle imprese di costruzioni, la maggior parte delle quali, notoriamente, sono disposte a chiudere un occhio sulla qualità a fronte di prezzi migliori.
Zanier si presenta inoltre come serramentista produttore di finestre, sistemi oscuranti e portoncini d’ingresso: in grado di soddisfare direttamente le molteplici necessità dei clienti senza dover ricorrere a prodotti acquistati esternamente.
Nei prossimi POST presenteremo tutta la gamma dei prodotti di Zanier Serramenti in legno – Tecnologie per innovare la tradizione Raveo UDINE. Sistemi di finestre, sistemi oscuranti e portoncini d’ingresso

zanier

Zanier serramenti… la verniciatura

Zanier verniciatura robotizzata per serramenti in legno

Ultimo degli argomenti relativi alla “qualità superiore” che differenzia il nostro sistema produttivo di serramenti in legno da gran parte di quelli della concorrenza riguarda la verniciatura, cioé la protezione del legno che consente la durata nel tempo dei serramenti. Nei precedenti articoli sono stati considerati: 1. La scelta della materia prima e preparazione degli elementi e 2. Il sistema di produzione che abbiamo messo a punto.

Ora osserviamo il punto 3, cioé il ciclo di verniciatura che conferisce protezione ai prodotti per cui altre informazioni le potrete trovare nella nostra pagina del sito… qui .

La protezione del legno tramite il ciclo di verniciatura HighRes

La durata del serramento in legno è determinata dai trattamenti protettivi. E’ dimostrato come, grazie alla tecnologia attuale, questi sono determinanti e possono garantire risultati eccellenti, al pari di altri materiali.

Attenzione però che non si tratta solo di utilizzare dei buoni prodotti per effettuare il ciclo di verniciatura, ma sono invece fondamentali: la preparazione degli elementi ed il sistema di applicazione.

Per quanto riguarda i prodotti, Zanier non scende a compromessi, ma utilizza i prodotti dell’azienda austriaca Adler, leader e pioniere nella ricerca per quanto riguarda i prodotti all’acqua per legno. Si tratta di tecnologie avanzatissime appositamente studiate per ottenere strati di trattamento impregnante-fondo-vernice che assicurano la necessaria traspirabilità al legno e l’elasticità tale da assicurare la tenuta del film protettivo.

Zanier pensa a tutto il resto: l’applicazione di questi prodotti nella maniera migliore! Una modalità di applicazione controllata direttamente dallo stesso fornitore dei prodotti e valutata in modo tale da garantire, per alcuni prodotti, la durata stessa del serramento.

Come detto risulta prima di tutto fondamentale che i serramenti siano preparati perfettamente. La superficie deve essere senza imperfezioni che possano compromettere il film di verniciatura o l’eventuale emrgere di danneggiamenti nel tempo: e ciò è garantito dalla scelta preliminare del legno, la realizzazione controllata del profilo lamellare, la lavorazione in sovradimensione di qualche millimetro in modo tale che, prima della verniciatura, le superfici possano essere levigate in modo da asportare eventuali graffi e irregolarità.

Un altro accorgimento fondamentale per quanto riguarda la preparazione degli elementi consiste nel progetto del serramento con specifici accorgimenti che impediscano il verificarsi nel tempo di danneggiamenti. Bisogna stare attenti al comportamento di ristagni di acqua e perciò a prevedere sistemi di sgrondo, piccole inclinazioni, evitare punti di possibile raccolta.

L’esecuzione del ciclo di verniciatura deve avvenire in ambienti controllati per temperatura e umidità in modo da garantire il giusto agrappaggio dei componenti e una asciugatura in tempi determinati per poter effettuare il ciclo nella giusta maniera. I prodotti devono essere conservati in modo da poter assicurare il mantenimento dei valori chimici fondamentali.

Solo dopo questi accorgimenti diventa importante la qualità del prodotto utilizzato e il sistema di applicazione. Per quanto riguarda quest’ultimo, viene prima effettuato un ciclo di impregnazione ad immersione totale del prodotto con sistema a spruzzo “float coat” che consente al prodotto protettivo di base di raggiungere ogni minimo angolo del componente.

Successivamente viene applicata la finitura attraverso un sistema a spruzzo robotizzato con apllicazione elettrostatica. L’applicazione a macchina consente di assicurare uniformità e coerenza nell’applicazione in quanto avviene secondo programmazione appositamente studiata per funzionare nel migliore dei modi (e la macchina, appunto, la applica sempre). Il sistema elettrostatico, originale nel legno, consente di avere la certezza che il quantitativo emesso venga completamente applicato al profilo, senza sprechi di prodotto.

Ovviamente a tutti questi procedimenti sono associati specifici cicli di controllo e verifica orientati ad assicurare la coerenza del sistema secondo precise procedure industriali.

Portoncino d'ingresso Zanier serramenti

Il risultato di questo procedimento è un prodotto dall’aspetto perfetto e qualitativamente elevato, realizzato secondo procedure altamente industrializzate, ma che appare come frutto della migliore produzione artigianale.

Scopri il processo produttivo in www.zanieronline.it

Zanier serramenti… la produzione

5

Abbiamo individuato i tre aspetti attraverso cui definire i nostri serramenti di “qualità superiore” e che differenziano il nostro sistema produttivo da gran parte di quelli della concorrenza:

1. La scelta della materia prima e preparazione degli elementi
2. Il sistema di produzione che abbiamo messo a punto
3. Il ciclo di verniciatura che conferisce protezione ai prodotti

nello scorso articolo abbiamo parlato del legno, della scelta della materia prima e la preparazione dei profili lamellari, trattiamo adesso l’aspetto produttivo vero e proprio del serramento. Alteriori informazioni le potrete trovare nella nostra pagina del sito… qui .

 
 

Serramento artigianale e serramenti industrializzati

Bisogna sapere che l’industrializzazione nel settore dei serramenti avvenuta negli scorsi decenni è stata uniforme e indistinta, ha condotto all’adozione di pratiche nel sistema di costruzione, non guidate dal miglioramento del risultato finale, ma orientate a facilitare la produzione in serie, abbattere i costi e aumentare il numero di pezzi prodotti. Un procedimento sicuramente lecito ma poi “storpiato” dal marketing che ha inventato dei valori aggiunti in cose oggettivamente scadenti oppure ha nascosto gli aspetti negativi.

Nello stesso periodo di tempo, cioé a partire dalla fine degli anni Settanta (1977), Bruno Zanier ha iniziato a lavorare in azienda e, secondo la sua indole perfezionistica e l’interesse per la tecnologia, ha intrapreso una strada personale e del tutto diversa per produrre industrialmente i suoi serramenti. Nei decenni successivi ha messo a punto un sistema originale, totalmente controllato dal computer e che ha definito “in elementi ad alta precisione”.

Obiettivo era di tradurre in sistema automatico il processo produttivo artigianale mantenendo tutti i valori aggiunti e le soluzioni di alta qualità che questo consente. Il risultato era quello di ottenere serramenti di qualità elevata come quelli artigianali in produzione industrializzata, quindi con costi controllati, elevate quantità prodotte e livello qualitativo omogeneo e non dipendente dall’abilità degli operatori.

Dopo la prima messa a punto alla fine degli anni Ottanta, il sistema è stato continuamente aggiornato e migliorato, già nel 1995 quando i serramentisti italiani non disponevano nemmeno di riferimenti normativi, Zanier è andato a fare le prove presso l’istituto tedesco ancora leader mondiale assoluto: IFT (Institut fur Fenster Technik) di Rosenheim (D).

 
 

Il sistema produttivo con elementi ad “alta precisione”

Il sistema produttivo ad “alta precisione” permette l’utilizzo per la giunzione di telai e ante dell’incastro angolare a tenone incollato, che garantisce una indiscutibile resistenza assoluta. L’impossibilità di apportare successive correzioni ai robusti componenti così realizzati, necessita di effettuare tutte le lavorazioni su un banco fisso attraverso macchine a controllo numerico. In questo modo è possibile realizzare, come nelle produzioni artigianali, le lavrazioni in “area 4” con l’inserimento di punti di chiusura incassati e per i quali è indispensabile avere assoluta stabilità e precisione. Questo è stato “trasformato” nelle produzioni industriali tradizionali, in giunzioni d’angolo più deboli (spine in legno, sovrapposizioni, con viti) che consentono aggiustamenti in quanto non sono solide e lavorazione in “area 13” con utilizzo di chiusure a nastro. Questo rende i serramenti molto più deboli, il profilo meno performante (necessità di aumentare gli spessori) e le inevitabili imprecisioni e instabilità richiedono di utilizzare più guarnizioni per garantire le tenute nei parametri di norma.

Ma una costruzione industriale semplificata implica serie conseguenze anche sulle prestazioni complessive del profilo e soprattutto sulla durata del serramento finito.

 

Tutte le lavorazioni di Zanier vengono effettuate in sovradimensionamento del profilo di alcuni millimetri, in questo modo lo spessore aggiuntivo viene poi eliminato insieme alle imperfezioni superficiali ed eventuali danneggiamenti attraverso la levigatura finale prima della verniciatura. utilizzando profilo che produce interamente, oltre a selezionare singolarmente le lamelle a vista, riesce ad ottenere lo spessore finito di 70mm e 82mm reale e non solo nominale come nel caso dei produttori (industriali e no) che adottano profili in legno prefiniti di varia qualità e sistemi costruttivi non proprietari ma imposti dai fornitori stessi dei profili.

 

Fotografia del tenone incastro angolare Zanier
Il tenone doppio di giunzione angolare del telaio e dell’anta del serramento. Oltre alla elevatissima resistenza meccanica, esso consente di ottenere il massimo risultato anche per gli aspetti prestazionali di tenuta.

 
 

Sappiamo perfettamente che non è facile recepire queste differenze tecniche e soprattutto che vengono ritenute non degne di interesse per il cliente finale (generalmente considerato soggetto vittima del marketing). Questo è il nostro lavoro, siamo sicuri della elevata professionalità che ci siamo costruiti e abbiamo dedicato anni per approfondire seriamente questi argomenti. Ci sembra perlomeno farlo sapere e invitare chi invece fosse interessato, a riflettere su questi aspetti tecnici che ci differenziano dalla massa.

 

Scopri il processo produttivo in www.zanieronline.it

Zanier serramenti… il legno

2
Iniziamo a capire cosa determina quella che possiamo definire “qualità superiore” dei nostri serramenti in legno. Questa caratteristica è determinata almeno da tre elementi che il cliente deve sapere e che differenziano il nostro sistema produttivo da gran parte di quelli della concorrenza:

1. La scelta della materia prima e preparazione degli elementi
2. Il sistema di produzione che abbiamo messo a punto
3. Il ciclo di verniciatura che conferisce protezione ai prodotti

In questo primo articolo vediamo il primo di questi aspetti, la scelta della materia prima e la preparazione del legno, ulteriori informazioni le potrete trovare nella nostra pagina del sito… qui.

 

La scelta e la preparazione del legno

Fondamentale per la preparazione di un buon prodotto finito, la scelta di una buona materia prima. Questo considerazione banale è alla base del processo produttivo artigianale in cui l’esperienza acquisita nel tempo determina la capacità di fare delle scelte assolutamente non banali nel caso di un materiale naturale e complesso come il legno. Zanier ha 60 anni di esperienza in questo settore: larice, abete e altri legnami vengono scelti con sapienza a seconda del periodo di segagione e mantenuti a stagionare in stabilimento per quasi un anno.

Zanier realizza i profili in legno lamellare che vengono usati per la realizzazione dei serramenti e tutti gli altri prodotti. Non vengono utilizzati profili lamellari acquistati da fornitori e su cui non si ha controllo su come vengono realizzati e soprattutto con quale materia prima: aspetto fondamentale per poter effettuare la successiva produzione con elementi ad “alta precisione” che richiede stabilità e precisione del profilo.

Per realizzare il legno lamellare, le partite di legno stagionate vengono prelevate dal magazzino e portate al giusto grado di umidità tramite l’impianto di essicazione. Poi, le tavole vengono singolarmente selezionate in modo da separare quelle storte e danneggiate, da cui verrà troncata solo la parte utilizzabile. Questi elementi verranno giuntati a pettine (finger-joint) e andranno a formare solo l’elemento centrale del profilo lamellare finito. Le tavole esterne invece, sono ricavate da quelle migliori, senza necessità di giunzione e completamente sane, in modo da avere serramenti senza imperfezioni e giunzioni a vista…. osservate la differenza!

Una volta incollato il profilo lamellare, questo viene lasciato ulteriormente riposare, grezzo, per almeno ancora un mese nei locali di stagionatura per fare in modo che possa scaricare le tensioni residue dovute all’incollaggio. Infine il legno verrà piallato e portato alle dimensioni utili per procedere con le lavorazioni produttive.

 

3

 

Scopri il processo produttivo in www.zanieronline.it

Zanier, Serramenti di alta qualità

zanier

Insieme al sito http://www.zanieronline.it, abbiamo avviato anche una campagna promozionale attraverso i social network, con cui intendiamo principalmente far conoscere meglio il nostro nome, soprattutto sul territorio in cui operiamo: Friuli venezia Giulia (Udine, Pordenone, Trieste e Gorizia) e Veneto orientale (Belluno, Treviso e Venezia).
Per molti anni non abbiamo saputo trasmettere in maniera convincente il nostro lavoro e probabilmente si sono formati anche dei pregiudizi riguardo al tipo di prodotti, alle metodologie di lavoro oppure al prezzo. in realtà abbiamo lavorato per moltissimo tempo alla messa a punto di un vero e proprio sistema di prduzione altamente tecnologico e dotato di processi di controllo molto sofisticati. Grazie a questo abbiamo completamente industrializzato il ciclo produttivo in modo da contenere i costi di produzione e poter presentarci sul mercato a prezzi assolutamente concorrenziali.
Nello stesso tempo però, abbiamo mantenuto uno standard qualitativo molto elevato, alla pari delle migliori produzioni artigianali, ma a differenza di queste riusciamo a produrre in velocità, in quantità elevate e con assoluta uniformità di risultato.

la particolarità del sistema di produzione, che ci ha impegnato per tantissimo tempo, riguarda proprio il fatto che abbiamo puntato su un prodotto di elevata qualità, simile solo apparentemente, ma in realtà sostanzialmente diverso da quelli industriali presenti sul mercato.
Infatti, tutti gli altri produttori, per passare a cicli industriali hanno deliberatamente rinunciato a fare attenzione a tanti dettagli, dicendo che in fondo non erano importanti, ma in realtà lo facevano solo per ridurre i costi di produzione.
Il riferimento è alla giunzione d’angolo con il tenone di legno, i punti di chiusura incassati, la scelta del profilo lamellare e la produzione dello stesso. per facilitare la produzione in serie sono state adottate le giunzioni angolari a 45°, la ferramenta a nastro, i profili di legno lamellare standard industriali giuntati ecc..

Sepresi singolarmente questi aspetti non hanno tantissima rilevana, nel loro insieme, ognuno contribuisce a far scadere la qualità complessiva del prodotto. in definitiva determinano un risultato radicalmente diverso e, su questi, i nostri serramenti si distinguono e prevalgono decisamente.
in che termini avviene questo? Beh, lo si misura nei risultati di prova, lo si rileva con la durata nel tempo e, sinceramente, lo si vede guardando direttamente il serramento finito!